Category: Contrattazione

12 Mag
By: Staff 0

Sviluppo, lavoro, salute, uguaglianza sociale: Il decalogo della CISL per la ripartenza

“La pandemia, come una moderna apocalisse, ha alzato il velo su molti dilemmi, rimossi o accantonati, che hanno direttamente a che fare con i valori e i fini dei nostri modelli di economia, di società, di convivenza e con il senso stesso del nostro futuro. Una lezione drammatica sulla quale bisogna riflettere“

Inizia così il lungo documento dal titolo: “Oltre la pandemia, un decalogo per la ripartenza” nel quale la CISL, dopo un’analisi accurata della situazione sanitaria, sociale ed economica, definisce una serie di proposte per la ripresa e per l’avvio di un nuovo modello di relazioni industriali basato su concertazione e partecipazione.

Il documento così prosegue:

“Dall’origine della pandemia che non è priva di rapporti col nostro modello di crescita che depreda illimitatamente le risorse della Terra e distrugge gli ecosistemi; al ritorno della centralità dello Stato, del bilancio pubblico, della dimensione collettiva per affrontare le devastanti ricadute economiche e sociali del virus, dopo decenni di retorica celebrativa dei poteri di autoregolazione e di auto generazione del mercato unite a sollecitazioni a privatizzare tutto il privatizzabile; al riconoscimento che i diritti e le tutele del lavoro, i sistemi di welfare, a partire dalla sanità, lungi dall’essere un costo da tagliare per competere meglio, sono decisivi per contrastare il contagio, ridurre o annullare il blocco delle produzioni preservando il lavoro in condizioni di assoluta sicurezza, difendere le condizioni di occupazione, di reddito, di benessere conquistati.

La pandemia ha, altresì, messo a nudo i limiti strutturali dell’economia del nostro Paese: bassa produttività media totale, bassi salari, caduta degli investimenti, crescita costante delle diseguaglianze, mancanza di adeguate tutele della salute e della sicurezza sul lavoro, storici ed insuperati squilibri fra Centro-Nord e Mezzogiorno, emigrazione crescente dei giovani, in gran parte laureati e diplomati, povertà in elevata espansione. Un modello di economia che oscilla, da oltre un decennio, fra stagnazione e recessione e che non riesce a reggere sviluppo, occupazione, reddito, coesione sociale, benessere, prospettive certe di futuro per l’intero paese.”

Un ampio spazio del documento è dedicato alla salute e alla necessità di rafforzare e riportare ad unità il sistema sanitario italiano:

“Va riaffermato un ruolo forte dello Stato a garanzia e a tutela del diritto costituzionale alla salute e per la determinazione dei livelli essenziali di assistenza e delle prestazioni, che vanno garantiti in modo uniforme sull’intero territorio nazionale tramite una rete di servizi pubblici forte, strutturata e capillarmente diffusa.

L’attacco pandemico ha piegato, nelle regioni a maggior impatto, il nostro Servizio Sanitario Nazionale indebolito da costanti tagli ai finanziamenti (oltre 35 mld €) che hanno ridotto personale sanitario, servizi, prestazioni.

La repentina ed obbligata inversione di tendenza del Governo è benvenuta ma, ancora, ampiamente insufficiente.

È indifferibile continuare il rafforzamento degli organici (medici e personale sanitario); delle reti di assistenza territoriale pubblica ed in regime convenzionato; aumentare decisamente i posti letto, soprattutto nelle terapie intensive; incrementare l’acquisto di dispositivi medici e di protezione individuale.

Si tratta di dare solida stabilità strutturale alla risposta emergenziale, di dimensionare l’intero sistema sulla virulenza dimostrata dalla pandemia, di separare ospedali Covid e non Covid, di rafforzare la medicina di base, la cura e l’assistenza primaria prima e dopo il ricovero ospedaliero e la rete integrata di servizi e prestazioni territoriali, di salvaguardare il diritto costituzionale alla salute ed il modello di sanità universale sull’intero territorio nazionale, superando le persistenti diseguaglianze regionali e territoriali.”

Scarica il documento

Read More
14 Mar
By: Staff 0

Coronavirus: accordo fra sindacati e imprese

CGIL, CISL, UIL: sottoscritto con Governo “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”.

COMUNICATO STAMPA UNITARIO CGIL, CISL, UIL

Roma, 14 marzo – Questa mattina, presso la Presidenza del Consiglio, Cgil, Cisl e Uil hanno sottoscritto con il Governo e le parti datoriali un “protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”.

È un risultato molto importante in una fase che impone a tutti massima responsabilità nel garantire, prima di ogni altra cosa, la sicurezza e la salute dei lavoratori e delle lavoratrici. La salute di chi lavora è per noi un’assoluta priorità che deve precedere qualunque altra considerazione economica o produttiva.

L’accordo che questa mattina abbiamo sottoscritto consentirà alle imprese di tutti i settori, attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali e la riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro.

Nell’accordo è stato previsto il coinvolgimento dei lavoratori e delle loro rappresentanze a livello aziendale o territoriale per garantire una piena ed effettiva tutela della loro salute. Per questo è importante che in tutti i luoghi di lavoro si chieda una piena effettività dell’intesa che è stata raggiunta.

Sappiamo che il momento è difficile e sappiamo che i lavoratori e le lavoratrici italiane sapranno agire e contribuire, con la responsabilità che hanno sempre saputo dimostrare, nell’adeguare l’organizzazione aziendale e i ritmi produttivi per garantire la massima sicurezza possibile e la continuazione produttiva essenziale per non fermare il Paese.

Importante è la sottoscrizione del testo da parte del Governo che, per quanto di sua competenza, favorirà la piena attuazione del protocollo.

14/03/2020

Scarica l’accordo

Read More
10 Feb
By: Staff 0

Pensioni, continua il confronto con il governo: Rivalutazione e quattordicesima all’ordine del giorno

Il 7 febbraio si è tenuto oggi il terzo incontro al Ministero del Lavoro avente ad oggetto la rivalutazione delle pensioni, la revisione della mensilità aggiuntiva, cosiddetta “quattordicesima” e le altre tematiche inerenti i pensionati. (altro…)

Read More
28 Gen
By: Staff 0

“Posso andare in pensione?” Inas risponde

Quando potrò andare in pensione? Le modalità di pensionamento anticipato, negli ultimi anni, si sono moltiplicate, anche grazie agli accordi sindacali. (altro…)

Read More
29 Nov
By: Staff 0

Più attenzione agli anziani: I pensionati portano la loro protesta al prefetto di Milano

L’Assessore al lavoro del Comune Cristina Tajani firma la petizione sulla non Autosufficienza. (altro…)

Read More
25 Nov
By: Staff 0

Milano città che esclude?

“C’è stato un tempo nel nostro paese che le forze politiche si posero il problema di come far ripartire il sistema Italia, uscito dalla seconda guerra mondiale sconfitto e distrutto da ogni punto di vista. (altro…)

Read More
06 Nov
By: Staff 0

Incontro con il Ministro del Lavoro: un po’ di cortesia, qualche sì, ma ancora tanti no

Il 4 novembre si è tenuto il secondo incontro delle Confederazioni Cgil, Cisl e Uil e delle Federazioni dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp con la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo. (altro…)

Read More
04 Nov
By: Staff 0

Manifestazione del 16 novembre. I pensionati al Circo Massimo per far sentire la loro voce

I sindacati pensionati si organizzano in preparazione della grande manifestazione che si svolgerà il 16 novembre a Roma al Circo Massimo. (altro…)

Read More
13 Ago
By: Staff 0

Politiche sociali: oltre 56 milioni di euro per la Lombardia

Il primo agosto la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato la ripartizione del Fondo nazionale per le politiche sociali per il 2019. (altro…)

Read More
10 Ago
By: Staff 0

Riforma fiscale: Cosa ne pensa il sindacato”. Presentata la piattaforma unitaria

In occasione dell’incontro con il Presidente del Consiglio Conte, CGIL CISL UIL hanno presentato proposta organica di riforma fiscale. (altro…)

Read More