News

Staff 7 ottobre 2020

Non sono l’INPS: attenti alle truffe

Proseguono i tentativi di truffa a danno dei cittadini mediante un uso ingannevole del nome INPS.

Esistono infatti delle società d’intermediazione finanziaria, non collegate e non riconducibili all’INPS, che inviano SMS agli utenti con l’intento di pubblicizzare dei prestiti personali, sponsorizzati come “convenzionati” con l’Istituto previdenziale.

In realtà queste società, informa l’istituto previdenziale, offrono servizi in termini ingannevoli ed equivoci che non riguardano in alcun modo i benefici erogati istituzionalmente dall’Inps ai propri iscritti e pensionati e disponibili esclusivamente sul sito ufficiale dell’Istituto.