News

Staff 11 Dicembre 2017

Presentazione domande REI (Reddito di Inclusione): guida pratica del CAF

Al fine di dare la massima informazione possibile su una misura utile, istituita a favore delle persone più bisognose, il Caf Cisl Milano ha predisposto una scheda sui requisiti e sull’iter per presentare le domande REI.

REI – Reddito di Inclusione – Guida pratica alla nuova misura di contrasto alla povertà

Che cos’è il REI?

E’ un nuovo sussidio contro la povertà delle famiglie che risiedono in Italia.

A quanto ammonta?

Si determina in base a diversi fattori e può arrivare fino a 485 euro al mese per le famiglie più numerose.

Dove richiedere il REI?

Presso i servizi sociali del Comune di residenza oppure presso i Caf convenzionati.

Quanto dura e quando si può richiedere?

Il REI si può richiedere a partire dal 1° dicembre 2017, ha una durata massima di 18 mesi e può essere eventualmente rinnovato per altri 12 mesi se sussistono le condizioni di legge.

Come viene erogato il REI?

Viene versato mensilmente su una carta di pagamento elettronica che permette di:

• prelevare contante entro un limite mensile di 240 euro;

• fare acquisti in supermercati, negozi alimentari, farmacie e parafarmacie abilitate;

• pagare le bollette elettriche e del gas presso gli uffici postali;

• avere uno sconto del 5% sugli acquisti nei negozi e nelle farmacie convenzionate, con l’eccezione degli vacquisti di farmaci e del pagamento di ticket.

Chi può richiedere la Carta REI?

Nella famiglia del richiedente deve esserci almeno un componente che sia:

• un minorenne;

• oppure una persona con disabilità e almeno un suo genitore o un suo tutore;

• oppure una donna in stato di gravidanza accertata da struttura pubblica;

• oppure un disoccupato da più di 3 mesi che abbia compiuto 55 anni e che non percepisca NASpI o altri contributi;

• si considerano disoccupati anche i lavoratori il cui reddito da lavoro dipendente o autonomo corrisponda a un’imposta lorda pari o inferiore alle detrazioni spettanti ai sensi dell’art. 13 del Testo Unico Imposte sui redditi (rispettivamente 8.000 euro e 4.800 euro).

Il richiedente deve essere:

• cittadino italiano oppure cittadino dell’Unione Europea;

• familiare di cittadino italiano o comunitario non avente la cittadinanza di uno Stato membro che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;

• cittadino straniero in possesso del permesso CE per soggiornanti di lungo periodo;

• persone titolari di protezione umanitaria (asilo politico, protezione umanitaria);

• residente in Italia in via continuativa da almeno 2 anni e residente nel Comune in cui fa la domanda.

Requisiti economici della famiglia:

• ISEE valido non superiore a 6mila euro (con ISRE non superiore a 3mila euro);

• patrimonio immobiliare inferiore a 20mila euro (esclusa la prima casa);

• patrimonio mobiliare (conti e/o depositi) a 6mila euro (per il singolo), a 8mila euro (per la coppia), a 10mila euro (per famiglie di tre o più membri).

La famiglia deve seguire un progetto personalizzato

La famiglia beneficiaria è tenuta a seguire un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà. Il progetto personalizzato può essere mirato a far uscire l’intero nucleo familiare dalla situazione disagiata e che preveda, tra le altre cose, anche il mandare i figli a scuola ed accettare lavori o seguire corsi per un’eventuale formazione professionale.

Il versamento del beneficio decorre dal mese successivo alla richiesta. Condizione indispensabile per accedere al beneficio è di aver sottoscritto il progetto personalizzato, con il quale la famiglia è tenuta a svolgere determinate attività dunque non basta fare la domanda per REI.

Attenzione! Sono escluse le famiglie con un componente che:

• percepiscano già prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI) o altri ammortizzatori sociali di
sostegno al reddito. Può invece presentare la domanda REI chi abbia finito di percepire tali prestazioni
assistenziali da più di 3 mesi;

• possiedano autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista un’agevolazione fiscale in favore delle persone con
disabilità).

Iter della Domanda

La domanda può essere presentata dall’interessato o da un componente del nucleo familiare a partire dal 1° dicembre 2017 presso il Comune di residenza o i Caf convenzionati.

Il beneficio viene concesso dall’Inps.

Il Comune o il Caf raccolgono la domanda, verificano i requisiti di cittadinanza e residenza e la inviano all’Inps entro 15 giorni lavorativi dalla ricezione.

L’Inps, entro i successivi 5 giorni, verifica il possesso dei requisiti e, in caso di esito positivo, riconosce il beneficio e invia a Poste Italiane la disposizione di accredito.

Poste Italiane emette la Carta REI e tramite lettera invita il beneficiario a recarsi presso qualunque ufficio postale abilitato al servizio per il ritiro.

Prima di poter utilizzare la Carta, il titolare dovrà attendere il PIN, che gli verrà inviato in busta chiusa presso l’indirizzo indicato nella domanda.

 

Per maggiori informazioni:

Via Alessandro Tadino, 23 – 20124 – Milano
Tel. 02-20.52.58.99 – Fax 02-70.03.98.50
caaf.milano@cisl.it – www.cislmilano.it