Addio ai libretti di risparmio al portatore

Ultime settimane per i libretti al portatore sia bancari che postali: dal 1° gennaio 2019 non saranno più validi in forza di un decreto legislativo che ha dato attuazione ad una direttiva dell’Unione Europea per prevenire il riciclaggio e per garantire la tracciabilità dei flussi di denaro contante.

I libretti al portatore hanno rappresentato per anni una sorta di salvadanaio, una forma semplice per raccogliere risparmi magari da regalare ai figli: era consuetudine regalare ai figlio ai nipoti il libretto di risparmio sul quale fare affluire le “paghette”.

Il fatto che fosse al portatore favoriva l’esigibilità in modo semplice e diretto; bastava presentarsi in banca o in posta col libretto e si aveva piena disponibilità delle somme depositate.

Ma questa semplicità d’uso aveva un difetto: i movimenti non erano tracciabili e col passare del tempo sono diventati uno strumento per i malintenzionati che li utilizzavano per il riciclo del denaro sporco.


Approfondisce l’argomento il nuovo numero di Previdenza Flash che potete scaricare qui